Non aprite quella porta

Scovato da Alberto in un ufficio postale di Roma. Passi il periodo impervio, chiaramente un sottoprodotto del burocratese. Ma un cartello da esporre al pubblico non è meglio rileggerlo, prima?
Prima o poi ci occuperemo anche della “porta allarmata”, che alle mie orecchie suona più o meno come una finestra agitata o un cancello impensierito.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...