I migliori titoli di sempre

Tanti gustosi strafalcioni d’annata citati nell’articolo di Gian Antonio Stella sul Corriere di oggi, di cui riportiamo un estratto.




E gli strafalcioni: cosa c’è di più divertente
che cercare in un archivio fino a ritrovarli certi titoli, certi occhielli, certe didascalie? «Don Stefano Costa, orinato sacerdote a Brescia nel giugno 1963…».«Con la sua pistola uccisero un giovane, poi lo strangolarono perché la rivoleva». «Pene più duro per i piromani».«Si è spento il giovane ustionato». «Tutta la formazione di mister Zancaini si è mossa stupendamente illuminata dalle invenzioni genitali di Mario Donem». «Nel pomeriggio un colono ebreo è stato ucciso in modo grave durante un agguato in Cisgiordania». «Affiora uno scheletro / sembra sia rimasto in acqua a lungo». Fino a un’indimenticabile locandina dell’Alto Adige: «Inquietanti particolari dall’autopsia sul cadavere di Bruno Gallmetzer: forse è morto». O al memorabile sommario di un articolo che raccontava di una protesta delle netturbine contro le discriminazioni sul lavoro: «Se ci mettiamo a scopare per sei ore di fila, gli uomini cedono molto prima». Il meglio, però, è scovare nel passato le contraddizioni, le retromarce, le conversioni subitanee, le promesse tonanti.

Un pensiero su “I migliori titoli di sempre

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...