Il mago della confusione

Giacomo,  sempre attentissimo al rigore editoriale, ci segnala l’introduzione del Mago di J. Fowles (Rizzoli 2008). Lo ringraziamo per il lavoro di scansione e gli lasciamo volentieri la parola:

«Il testo è stato uniformato in modo incompleto.
Alcuni apostrofi sono corretti, altri no:

Dopo il punto sono stati inseriti sempre due spazi, diversamente da quanto accade nel romanzo:

I trattini sono ora quelli brevi, ora quelli medi:

I due richiami di nota sono stati inseriti uno dopo il segno di punteggiatura e l’altro prima di esso (oltretutto con uno spazio di mezzo):

La e maiuscola accentata è stata realizzata usando un apostrofo (nel romanzo si usa il carattere corretto):

Tralascio il fatto un po’ bizzarro che nella nota al titolo presente nella prima pagina, si chiama "prefazione" il testo che il titolo stesso definisce “Introduzione”.»