Un che di superficiale

Se è vero che il testo di un libro va sempre ricontrollato con attenzione prima di mandarlo in stampa, ciò vale a maggior ragione per la copertina. Sorprende, ma non troppo, che le grandi case editrici siano spesso le prime a disattendere tale regola.
Quella riprodotta più oltre, per la quale dobbiamo ringraziare Carmelo, è la quarta di copertina del Mito di Sisifo, di Albert Camus (Bompiani). Un periodo è oscuro, come se mancasse una parola. Inoltre dell’autore vengono indicati il giorno di nascita, ma non l’anno, e l’anno di morte, ma non il giorno. Singolare.


Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in libri. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...