Cure orali

Adesso che i corsi di scrittura sono diffusi quanto quelli di tango argentino, e siamo tutti sufficienti nello scritto, sarebbe quanto meno auspicabile qualche bel corso di orale. L’italiano che sento in tram, in metropolitana, nei caffè mi sembra sempre più artificioso e pretenzioso. Per esempio: la bella congiunzione "o" è ormai soppiantata da un orrendo e scorrettissimo "piuttosto che", i "problemi" sono scalzati dalle "problematiche", i "temi" dalle "tematiche", i "tipi" dalle "tipologie", i "metodi" dalle "metodiche"… Tempi duri, di questi tempi, anche per i "tempi", cui ormai si preferiscono le "tempistiche". Che schifezza.

Patrizia Valduga, "Se penso", D della Repubblica, primo agosto 2009

2 pensieri su “Cure orali

  1. E nemmeno è finito lì. Oggi più nessuno parla di modi, scopi, casi, temi, motivi. Solo di modalità, finalità, casistiche, tematiche, motivazioni.

  2. Sono problematiche incorreggibili con le metodologie classiche. Servirebbero modalità innovative perché l’italiano impari a parlare e scrivere l’italiano. Sono tematiche complesse. Una tipologia di soluzione sarebbe un bel corso di scrittura creativa da 5.000 euro, ma forse, a seconda delle casistiche, è più divertente ballare il tango!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...