Un po’ di attenzione non guasterebbe

Un segnalibro fotografato da Francesca Romana alla Fiera della piccola e media editoria di Roma lo scorso dicembre. Del resto se certi errori finiscono nei libri non possono certo esserne immune i segnalibri.

Annunci

La cresta che non c’è

Guida della Germania Mondadori (quinta edizione, 2005), traduzione italiana di una guida Dorling Kindersley inglese. Franz ci scrive:

Nella mia modesta opinione, chi ha tradotto la didascalia aveva qualche lacuna in inglese (l’inglese "crest" si traduce, in quel contesto, con "stemma"), in italiano e in ornitologia (le aquile non hanno cresta) e in araldica (che non usa il termine cresta né l’oggetto cresta). Oltre che, soprattutto, in logica e inoltre non possedeva un buon dizionario inglese-italiano: se l’oggetto riprodotto non è una cresta (e non lo è sicuramente), cos’altro potrà essere?

Ovviamente, traduzioni possibili sono "stemma della città di Rothenburg ob der Tauber", oppure "l’aquila nello stemma di Rothenburg o.d.T." o altre ancora, ma non ho sottomano l’originale inglese.